mercoledì 23 aprile 2014

GCMS: Amazone (EdT, Hermès, 1974)




AMAZONE , EdT (Hermès, 1974).
GC-MS : analysis and discussion .


( Disclaimer : in order to avoid problems due to Copyrights, we will not disclose "exact formulas" or "exact amount" of  any composition )

(read here: " GC-MS for beginners" )
(read here: "Amazone: a 100-pictures Tribute")

“Amazone” by Hermès (Eau de Toilette, 1974) was analyzed via Gas-Chromatography and Mass Spectrometry ( GC-MS ) in a private lab. The instrument used is manufactured by Perkin-Elmer, the molecular identification was obtained ​via libraries included in the instrument.
GC-MS analysis was performed as a "blind" test: no one knew the name of the perfume, which was revealed later. 
Data collected were analyzed and discussed by Dr. Roberto Dario, chemist, perfumes and raw-materials expert.



Dr. Roberto Dario, Chemist.
Perfumes and Raw Materials expert.

Dr. Roberto Dario is not involved with cosmetic houses, and has no particular interest in "vintage perfumes": so his analysis can be considered impartial and unbiased.








Andre Moreau (AM) : "Today we celebrate the 40th anniversary of one of the most famous perfumes produced by Hermès: “Amazone”, Eau de Toilette, in its first edition in 1974, in production until 1990 before undergoing a significant reformulation. We have in front of us a sample of the EdT, a paper strip, and the GC-MS data. What can you say at first examination? "
Roberto Dario (RD) : "This perfume certainly arrives from another era; a perfume like “Amazone” would be inconceivable today. Too aggressive, to say the least, for modern times and tastes. Nowadays this scent could be worn only by mature women. ‘Amazone’ is a typical floral-fruity (not sweet), with slight, very slight, woody notes. It’s a great example to understand how the “scent fashion” evolved during the past 40 years.

AM: "Amazone is a perfect example of the robust, heavy scents designed for an era where you had to drown the acrid smell of cigarettes. It is a well known fact: during previous decades scents were designed in order to emerge from cigarettes and cigars smoke, a fog permeating any environment. Today, since many of us are not used anymore to cigarettes and cigars, these scents emerge with much greater force and ‘brutality’. But what about the GC-MS data?"
RD : "Let's start by saying that this graph is remarkable for the 'peaks': very evident, clear, well-defined, in any phase of the operation. This fact shows us how the ‘separation’ has been done in an excellent manner, but also how clean is the entire composition. Even giving just a quick look at the chart, without knowing anything more, you can understand that this is a good scent".


AM: "Now we are going into details ... "
RD : "One of the most exciting things about this perfume, oddly enough, has nothing to do with the perfume itself…. It is the presence of ‘solvents’. Yes, solvents. There are four different solvents, and in high quantities. Summing all four solvents we arrive at a total of about one third of all substances."

AM: "Well, this is a fact that should be explained. Four different solvents found inside ‘Amazone’: why  ?"
RD : "Yeah. We can find ethoxy-ethanol, diethyl-phthalate, triethyl-citrate, and isopropyl-myristate . At this point one might ask, and with good reasons, why four different solvents in a perfume? Usually, a solvent is used to dilute the mixture, saving on odorous substances; but in this case the presence of solvents is also explained by the need to make substances soluble. You see, natural substances such as 'absolutes', 'concretes', resinoids, are not in a physical form that makes it possible a practical manipulation: these natural substances are very viscous or semi-solid, and the only method of  dosing them is to dissolve into solvents. So, the presence of four different solvents evidence the use of natural materials in this perfume.

Amazone EdT, (Hermès, 1974) :  GC-MS

AM: "Here we go. We arrived at an important discovery: 'Amazone’ contains real natural ingredients, and not just synthetic ones. Can you tell us more about ?"
RD : "Of course. We have to cross GC-MS and olfactive analysis. So, crossing ‘nose’ with chemical infos, we can say that the citrus notes are natural, brilliant and crisp: the presence of linalool, limonene and linalyl-acetate do not guarantee the ‘raw material’, but it is certified by olfactive support.
The most remarkable thing, however, is another: the presence of real rose, not a synthetic one. There are eugenol, geraniol, and mainly phenethyl alcohol, all together. In this case, again, the nose is able to distinguish the real, natural rose from a synthetic rose accord.
It’s also likely Amazone contains real narcissus and jasmine: the presence of benzyl-acetate certifies both. It's noteworthy that the amount is small, perhaps jasmine and narcissus were used more to bind together the composition, than as single notes. Also noteworthy is a synthetic substance used to enhance the effect of floral jasmine, too: it’s the alpha–hexylcinnamaldehyde"


AM : "A further consideration, observing the chromatographic chart: near to the baseline of the chromatogram , you see dozens of tiny 'peaks' (often not identified because below the detection limit of the instrument), which denote the presence of many other molecules, in very small quantities. Probably this is the demonstration of the natural substances used. Each natural substance actually contains many molecules -  jasmine for example is not composed by a single molecule, but  by many  molecules, put all together, which build up the smell of the jasmine - and their presence can be seen on the graph as small, tiny peaks. When you use synthetic substances alone, there are only  a few peaks, and the rest of the graph is generally 'flat’, plain, without any peaks.
However, we have real flowers. That’s great. And what about the 'fruity' side?"
RD : "In my opinion we are involved with synthetic substances from this side. Molecules used are synthetics, not naturals. We have benzyl-propionate, phenylethyl-butyrate, and diethyl octanal. However, I would like to point out this fact: the marvellous way in which these substances, although synthetics, smell all together. You can smell each of them, and all appear to be bound together with a lot of elegance. A real floral-fruity bouquet."


AM: "And what about the remaining elements, other than flowers and fruits ? "
RD : " As I mentioned before, there is a slight woody background : this is probably due to the simultaneous presence of methyl ionone gamma and acetyl-cedrene; however, more than a woody component , these are probably used as 'mergers' of the whole composition.
Then, there is the pleasant presence of hydroxymethyl-jasmonate , also known as 'Hedione', a synthetic substance used to give volume and freshness.
Finally, the musk notes, evidenced by the presence of so-called 'Musk T' ( chemical name Ethylenbrassilate), produced by laboratory synthesis.”


AM: " A question that may be interesting about the big controversies of “vintage perfumes”…According to your opinion: what about general conditions of this 40-years-old perfume? Since it was stored inside its box, and kept in a cool room, do you smell it as ‘preserved’  or ‘ruined’? Did this perfume keep its notes? Or not?"
RD : " Well, in my opinion, this fragrance is intact. At least, I smell it as intact, not ruined."

Amazone EdT, (Hermès, 1974) :  GC-MS

AM: " And  what can you say as final word? "
RD : "Well, I try to give my opinion as an expert, both in chemistry and in perfumery field.
This is a scent that is completely 'out of time' now. It is unthinkable to realize a scent like Amazone, today.
There is not the smallest note of something of ‘sweet’, or ‘gourmand’. Today's market calls for a different kind of perfume. But apart this, I found it a ​​really well-made scent. The simply fact that Amazone contains real natural substances, makes it a scent of great value.
Then, the flowery-fruity notes are blended to perfection: it’s the perfect bouquet.
All the notes seem to complement each other, as in a sort of harmonious composition. No note appears out of place. It seems endowed with innate elegance.
As a final word, if I have to sum ​​up all things in one sentence, I’d say Amazone is a marvelous example to compare the old perfumery with the modern one."



AMAZONE EdT (HERMES, 1974) at a glance:
-great quality perfume
-contains four different solvents.
-contains natural Rose, Jasmine, Narcissus and 'agrumes'.
-very well blended composition.
- still intact after nearly 40 years (due to proper store).
- too strong and aggressive for modern times.
- recommended only for mature women.

Amazone EdT, (Hermès, 1974) :  GC-MS




(ITALIAN)
--------------------------------------------------------------------------------------




AMAZONE, EdT (Hermès, 1974)
GC-MS: analisi e discussione.

(Disclaimer: per evitare problemi dovuti al Copyright della casa produttrice, non verranno comunicate “formule esatte” dei componenti, né le “quantità esatte” delle singole sostanze)




(da leggere per primo : "cosa è la GCMS"? Spiegazione in parole semplici)

La gascromatografia accoppiata alla spettrometria di massa (GCMS) del profumo “Amazone” è stata eseguita presso un laboratorio privato. Il macchinario utilizzato è prodotto da Perkin-Elmer, l'individuazione degli ingredienti effettuata attraverso l'apposita libreria software inclusa nel macchinario.
Le analisi GCMS sono state eseguite “in cieco”, senza che nessuno conoscesse il nome del profumo in questione, che è stato rivelato solo successivamente.
Il tracciato cromatografico e i dati rilevati sono analizzati e discussi dal dr. Roberto Dario, chimico ed esperto di materie prime per profumeria.  
Il dr. Roberto Dario non è legato alle case cosmetiche e non ha alcuna particolare predilezione per la profumeria "vintage", per cui la sua analisi può essere ritenuta onesta ed imparziale.

Dr. Roberto Dario.

Andre Moreau (AM): “Allora dottore, oggi festeggiamo il quarantesimo anniversario di uno dei profumi più celebri della celebre casa Hermès, Amazone, nella sua prima edizione del 1974, rimasta in produzione fino al 1990 prima di venir sottoposto a una notevole riformulazione.
Abbiamo di fronte a noi un campione del profumo in questione, una mouillette, e i risultati della GCMS. Cosa si può dire da una disamina iniziale?”
Roberto Dario (RD): “Questo profumo è certamente d’altri tempi, oggi un profumo del genere non sarebbe concepibile. Troppo 'aggressivo', se vogliamo, per l’epoca odierna. Al giorno d’oggi potrebbe essere portato solo da donne mature, di una certa età. Il tipo di profumo è un floreale-fruttato (non dolce), con leggerissimi, quasi inesistenti, riferimenti legnosi. Ottimo esempio per mostrare come si sia evoluta in questi 40 anni la moda olfattiva.

AM: “Un perfetto tipo di esempio di profumo pensato per un’epoca dove bisognava sovrastare l’odore acre del fumo di sigaretta, allora imperante. Come è noto, i profumi dell’epoca erano progettati anche in funzione dell’odor di fumo che impregnava ogni ambiente. Oggi, essendo la maggior parte di noi disabituata all’odor di sigarette, questi profumi degli anni Settanta emergono con molta maggior prepotenza….Ma cosa risulta dall’analisi cromatografica?”
RD: “Cominciamo col dire che questo grafico è notevole per la conformazione dei ‘picchi’, netti, chiari, ben definiti, in tutte le fasi dell’operazione. Ci fa capire come la separazione delle varie sostanze sia stata fatta in maniera eccellente, ma anche come sia ‘pulita’, ‘ordinata’, l’intera composizione. Già solo a guardare il grafico, senza saper nulla, si capisce che questo è un buon prodotto.”


AM : “Andiamo adesso nel dettaglio…”
RD: “Una delle cose più interessanti di questo profumo, stranamente, non ha a che vedere con il profumo stesso. Si tratta infatti della presenza di solventi. Ne sono stati trovati ben quattro, differenti tra loro, e in alta concentrazione. Tutti e quattro i solventi, sommati, arrivano a una quantità pari ad almeno un terzo di tutte le sostanze presenti”

AM: “Ecco, questo è un fatto che andrebbe spiegato…addirittura 4 differenti solventi dentro Amazone di Hermès?”
RD: “Già. Sono presenti esattamente etossietanolo, dietilftalato, trietilcitrato, isopropilmiristato. A questo punto ci si potrebbe domandare, giustamente: ma che ci fanno quattro solventi differenti dentro un profumo? Ed è proprio qui, la cosa interessante. Di solito un solo solvente viene -furbescamente- usato per diluire la miscela che rappresenta la formula, risparmiando sulle sostanze odorose; in questo caso la presenza di solventi si spiega però con la necessita di rendere solubili certe sostanze che sono contenute nel profumo. Spesso le sostanze naturali come le ‘assolute’, le ‘concrete’, i resinoidi, sono in una forma fisica che non ne rende possibile la manipolazione diretta: sono molto viscose, o semisolide, e quindi l'unica possibilita di poterle dosare con precisione è di scioglierle negli opportuni solventi. Quindi, la presenza di 4 solventi diversi denuncia l'uso di una buona varietà di materie prime naturali."

AM: “Eccoci allora arrivati ad una prima importante scoperta: ‘Amazone’ conteneva vere sostanze naturali, e non solo sintetiche. Si può arrivare a scoprire di più?”
RD: “Certamente. Incrociando l'analisi olfattiva e chimica, possiamo dire che le note agrumate sono effettivamente naturali, rotonde e frizzanti: la presenza analitica di linalolo, linalil acetato e limonene non garantirebbe da sola la 'naturalità', che è confermata dall'analisi olfattiva.
La cosa più notevole è però quest’altra: la presenza di vera rosa naturale. Sono infatti presenti eugenolo, geraniolo, e soprattutto fenetil-alcool, tutti insieme. Anche qui l'aiuto del naso riesce a distinguere la vera rosa da un semplice accordo.
E’ anche probabile che siano stati usati vero narciso e vero gelsomino: la presenza di benzil acetato ce lo attesta, nota caratteristica in entrambe le materie prime. Da notare che la quantità utilizzata è piccola, forse più per legare l’insieme odoroso. Da segnalare anche una sostanza sintetica che è usata anche per aumentare l’effetto floreale del gelsomino, ovvero l’alfa-esil cinnamaldeide.

Amazone EdT, (Hermès, 1974) :  GC-MS

AM: “Una considerazione a margine, osservando il grafico: vicino alla linea di base del cromatogramma, si vedono dozzine di minuscoli ‘picchi’ (spesso non identificati perche al disotto del limite di rivelabilità dello strumento), che denotano presenza di moltissime altre molecole, in quantità molto piccole. Probabilmente è questa la dimostrazione della quantità di sostanze naturali utilizzate. Ogni sostanza naturale contiene in realtà molte molecole –da poche decine a centinaia-non esiste la molecola del gelsomino, bensì le decine di differenti sostanze che compongono l'odore del gelsomino- e la loro presenza si nota, sul grafico. Quando si utilizzano esclusivamente sostanze chimiche, si nota invece solo il ‘picco’ unico della sostanza artificiale utilizzata, e il resto del grafico è generalmente ‘liscio’, piatto.
Comunque, abbiamo visto l’aspetto floreale. Per quello che riguarda il ‘fruttato’, cosa ci dice il grafico?
RD: “Anche il campo fruttato è presente, ma a mio parere qui siamo nel campo interamente sintetico. Sono state utilizzate molecole di laboratorio, non sostanze naturali.  Si tratta di benzil propionato, feniletil butirrato, dietil ottanale. Ci tengo comunque a sottolineare una cosa: il modo splendido in cui queste sostanze artificiali ‘fruttate’ siano state amalgamate tra loro. Si sentono tutte quante, e miscelate tra loro con molta eleganza.”

AM: “E per quanto riguarda gli aspetti rimanenti, oltre fiori e frutti?”
RD: “Come accennavo prima, vi è un leggero sottofondo legnoso, morbido: questo è probabilmente dovuto alla presenza contemporanea di metil-ionone gamma e acetil-cedrene; da sottolineare però il fatto che più che a una componente legnosa, siano probabilmente utilizzati come ‘leganti’ dell’insieme del profumo.
Poi c’è la piacevole presenza del metil-idrossi jasmonato, ovvero il celebre 'Hedione', sostanza sintetica che serve a dare volume e freschezza.
Per concludere, non fa mancare la sua presenza il sottofondo muschiato, testimoniato dalla presenza del cosiddetto ‘Musk T’ (nome chimico 'etilenbrassilato'), un muschio sintetico, prodotto in laboratorio”


Amazone EdT, (Hermès, 1974) :  GC-MS

AM: “Una domanda che può interessare chi segue la grande diatriba del profumo vintage. A suo parere questo esemplare, vecchio di 40 anni, conservato sempre dentro la sua scatola, in una cantina, in che condizioni si trova? E’ conservato, rovinato? Ha mantenuto le sue caratteristiche? Si è degradato?”
RD: “A mio parere, questo profumo è integro; o almeno, io lo sento tale.”

AM: “E per concludere, cosa si può dire?”
RD: “Guardi, cerco di dare il mio parere da chimico e contemporaneamente da esperto di materie prime per la profumeria. Questo è un profumo che oggi è completamente ‘fuori epoca’. Non è pensabile realizzare oggi un profumo del genere. Non vi è la minima nota “dolce”, o gourmand. Oggi il mercato chiede un altro tipo di profumi. Ma a parte questo, trovo che sia un profumo realizzato davvero bene. Già il fatto che contenga vere sostanze naturali, ne fa un profumo di valore. Poi, le parti floreali e fruttate sono amalgamate alla perfezione, il bouquet, l'insieme, è perfetto. Tutti le essenze sembrano completarsi tra loro, come in una sorta di puzzle armonico. Non ci sono elementi fuori posto. Sembra dotato di una sua innata eleganza. Ecco, se devo riassumere in una sola frase, questo è un esempio splendido per poter paragonare la profumeria di 40 anni fa, con quella odierna.”


Riassumendo:
-Profumo di grande qualità.
-Contiene quattro differenti solventi
-Contiene vera Rosa, Gelsomino, Narciso e Agrumi
-Molto ben realizzato dal punto di vista "costruttivo".
-Arrivato intatto ai giorni nostri (grazie alla conservazione) 
-Profumo troppo "aggressivo" per i tempi odierni
-Adatto principalmente alle donne mature.


-----------------------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------------------------





3 commenti:

  1. Muchas gracias Andre por tu excelente trabajo. Impecable toda la informacion.
    Saludos, Allex del forodeperfumes

    RispondiElimina
  2. Thank you Andre -and Roberto- for such a wonderful and enlightening article!
    Cheers,

    Caro

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Print

Google+
Google+