giovedì 24 ottobre 2013

OPIUM: the Last Stand.



opium

" It will be the world's best fragrance, and we call it ... Opium "
( Yves Saint Laurent , 1977)


Opium is not a perfume, it is a true Legend. 
Smelling Opium -at least once- is absolutely an imperative for anyone even vaguely interested in perfumery. Its unmistakable aroma marked an Era, and ruled for at least two decades.
Unfortunately, at a certain point something happened, and the scent was no longer the Wonder that was before, and what we used to.
When they tell you it is not true that "reformulations" happened, and "perfumes are always the same", and blah-blah, well, invite them to try Opium "Vintage" in comparison with the "Modern": difficult to maintain the same opinion, huh?
Actually, the reformulation of Opium was so tragic, to be taken as a symbol of harmful "restriction laws" that forced manufacturers to change perfume formulas to comply with regulations.
Obviously all these things unleashed the hunt for an Opium "old bottle", containing the vintage perfume, not the reformulated one, and the first question always was: how can we recognize the Old from the New?

Well, there are several possibilities, since there are a lot of clues: boxes, bottles, indications on the label, writings on the box, colors used, swirls, etc.
But -at the same time- you know it is somewhat unreliable, since manty times happened that YSL messed up "new or old" boxes.
What to do? How can we know if that bottle contains old or the new formula?

Well, I  had the luck to have in front of me several Opium bottles to test, from all ages.
First of all, I have to admit the various Opiums don't smell the same: for example, bottles from Eighties until first half of Nineties are superb; later, it's still very, very good, but seem to lack a small dose of strenght and depth.

Well, my goal was to know when Opium came down from the Throne, ceased to be a King, and became the "modern" perfume we know today.

So, I approached the problem from a different point of view: instead of relying on boxes, bottles, colors etc, I relied mainly on the batch number to determnine until Opium remained the Great Classic, and when  it became the Reformulated fragrance.
Well, here are the results:
(WARNING: To know more about "serial numbers" on YSL perfumes, please read here)
This is the last bottle I tested,  where Opium was the Great Fragrance we were used (although a bit weaker than 10-15 years earlier, but still the good ol' Opium):

Batch number 7EAA , it's mid-2007.
Raiders of the Lost Scent


And this is the bottle I tested when you can clearly smell the (heavily) reformulated Opium.
(unfortunately, I had no bottle batched "2008")

Batch number 9GBA, in July of 2009.
opium

Therefore:
-when you are in front of a bottle of Opium, and you can not "test" it,
-when you have to rely to the external appearance only;
-when you are in contact with a "seller" not showing you box and bottle;
what I recommend is to go and check/ask for the batch number.

If the number begins with 6, followed by three letters (it means 2006), then you go safe: it's the vintage.
If the number starts with 7, followed by three letters, you have a certain probability that it is still the version of "Vintage" (for sure until mid-2007)
If the number starts with 8 or 9 followed by three letters, probably you are facing the reformulated one.

Have a good hunt!!




-------------------------------------------------------


"Sarà il profumo più grande del mondo ...e lo chiameremo Opium"
(Yves Saint Laurent, 1977)


Opium non è un profumo, è una leggenda. Averlo provato è un imperativo categorico per chiunque sia anche solo distrattamente interessato alla profumeria. Il suo aroma inconfondibile ha segnato un'epoca e ha attraversato (quasi) indenne almeno due decenni. Purtroppo ad un certo punto è successo qualcosa e il profumo non è più quella meraviglia che era prima.  Quando vengono a dirvi che non è vero che i profumi sono stati "riformulati", invitatelo a provare Opium "classico"  a confronto con quello riformulato: difficile che mantenga la stessa opinione. Al contrario, la riformulazione di Opium è stata talmente tragica da venir assunta come simbolo delle nefaste leggi vigenti che obbligano a cambiare le formule dei profumi per adeguarle alle leggi vigenti.
Ovviamente si è scatenata la caccia al "flacone antico" di Opium , contenent eil profumo vero, non riformulato, e la rete è impazzita: come fare a distinguere Opium vintage da quello moderno?
In realtà le possibilità ci sono, dal momento che cambiano le forme delle scatole, dei flaconi, le indicazioni sull'etichetta, le scritte sulla scatola, eccetera. 
Ma al tempo stesso si sa quanto ciò sia inaffidabile, dal momento che spessissimo si usano scatole "nuove oppure vecchie" mescolate con bottiglie "vecchie oppure nuove". E il profumo come sarà: quello tradizionale oppure quello riformulato?

Che fare? Come facciamo a sapere con certezza fino a quando è stato prodotto Opium, nella sua straordinaria vecchia formula?
Chi scrive ha avuto la fortuna di avere di fronte una serie di flaconi di Opium di varie epoche: questo ha permesso di basarsi unicamente sul batch number (numero di serie) per sapere fino a quando Opium è rimasto ...Opium, e quando invece si è trasformato nel profumo attuale.
Fermo restando che Opium non è tutto uguale (i flaconi iniziali fino a metà degli anni Novanta sono superbi, poi c'è un leggero decadimento in forza e spessore, ma è sempre il caro vecchio Opium), ebbene ecco i risultati:
(ATTENZIONE: per capire di più a proposito di "numeri di serie" dei profumi Yves Saint Laurent, è bene leggere qui )

Questa è l'ultima bottiglia -tra quelle testate- nel quale "Opium è ancora il vecchio Opium".
Batch number 7EAA, siamo a metà 2007.

opium


Questa in basso è invece la bottiglia dove si sente chiaramente che Opium è stato (pesantemente) riformulato.
Batch number 9GBA, siamo a luglio 2009. 

opium

Pertanto:
-quando avete di fronte un flacone di Opium, e non potete "provarlo", 
-vi dovete affidare solo all'aspetto esterno, 
- e volete sapere, con buona affidabilità, se avete di fronte il "Classico" o il "Riformulato", 
quello che vi consiglio è di andare a controllare (o chiedere) il numero di serie.


Se comincia con il numero 6 seguito da tre lettere (2006, e ovviamente annate precedenti), allora andate sul sicuro.
Se comincia con il numero 7, seguito da tre lettere, avete discrete probabilità che sia ancora la versione "Vintage".
Se invece comincia con 8 oppure 9 (sempre seguiti da tre lettere), sappiate che, probabilmente, avete in mano il riformulato.
Buona ricerca!

3 commenti:

  1. Ciao fantastica questa pagina!!!! adoravo i profumi storici Diorissimo ,Cuir de Russie di Chanel, Giorgio Beverly Hills, Dune Dior, Diva Emanuel Ungaro, Charlie di Revlon, Violetta di Parma, Kouros YSL, Coco Chanel, Minotaure Paloma Picasso, Le Male JPG, Joop (da uomo) Chanel N°5, Chiara Boni, Gianfranco Ferrè( io avevo bottiglia con vaporizzatore vintage a forma di boccia ricoperta da una retina dorata) da piccola avevo un profumo buonissimo molto potente in un flacone color verde marmorizzato ma non ricordo che profumo fosse... era tipo Dior tendre poison la confezione... e ricordo anche un buon profumo di Borsalino

    RispondiElimina
  2. tra i profumi recenti adoro Chloè eau de parfum, Narciso Rodriguez for Her eau de parfum, Miss Boucheron ( ma non lo fanno piu'????) Bulgari Omnia Cristalline, kenzo Jungle l'Elephant, Pure Poison Dior, Far Away Gold exotic di Avon,

    RispondiElimina
  3. I was actually given a bottle of real perfume of this. For me, too strong but certainly the scent is unmistakable. I would prefer the Lanvin Sin or Arpege

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Print

Google+
Google+